ORARIO STABILE

Si richiama l’attenzione del personale e delgli studenti su quanto pubblicato nella pagina “Calendario e Piano annulae delle attività”

Calma …. e gesso

Al Personale

Agli Studenti.

Come molti di voi già ormai sapranno, una Ordinanza n. 623 di Regione Lombardia impone  che “le scuole secondarie di secondo grado […] devono realizzare le proprie attività in modo da assicurare lo svolgimento delle lezioni mediante la didattica a distanza delle lezioni, per l’intero gruppo classe, qualora siano già nelle condizioni di effettuarla e fatti salvi eventuali bisogni educativi speciali. Agli altri Istituti é raccomandato di realizzare le condizioni tecnico-organizzative nel più breve tempo possibile , per lo svolgimento della didattica a distanza. In tali casi, si raccomanda ai dirigenti degli istituti scolastici di differenziare gli ingressi a scuola; a tal fine gli Uffici di ambito territoriale (UAT), in raccordo con gli Uffici scolastici regionali (USR), assicurano lo stretto coordinamento con le Agenzie del TPL ed i sindaci degli ambiti di riferimento. Le attività di laboratorio possono continuare ad essere svolte in presenza”

Ci si limita qui a due  osservazioni:

  1. quale Istituzione Scolastica può serenamente assumersi la responsabilità di valutare   di essere nelle condizioni di effettuare la didattica a distanza ovvero di poterne realizzare le condizioni tecnico-organizzative  in breve tempo? ad esempio,   la mancanza o l’insufficienza delle connessioni alla rete internet, accompagnata dall’assenza di pc o tablet è una condizione tecnica ed organizzativa la cui  carenza è stata colmata sono in parte dagli investimenti governativi.
  2. Si deve far salva l’attività didattica in presenza per gli studenti BES? Quali docenti si devono allora trattenere in servizio per far salvi  i bisogni educativi speciali, in particolare dei  diversamente abili? solo i docenti di sostegno oppure anche quelli curriculari, in base ai PEI in vigore? oppure ancora la ratio della norma sottende che gli allievi diversamente abili ci vengano affidati dalle famiglie al solo fine di vigilarli ed assisterli, affidandoli quindi al solo personale ausiliario?

L’Istituto Frisi ha  ottemperato  a quanto previsto dall’art. 2 comma 3 della Legge 6 giugno 2020 n. 41 (In corrispondenza della sospensione delle attività didattiche in  presenza a seguito dell’emergenza epidemiologica, il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nella modalità  a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione), prevedendo un’organizzazione delle lezioni che permetta di realizzare sia la formula presenza+DDI sia la formula DAD.

Si osserva però che nella citata Ordinanza non è stata proclamata alcuna sospensione dell’attività didattica in presenza.

Sembrerebbe piuttosto che si prefiguri la possibilità di adottare la DAD per interi gruppi classe.

Questa formulazione dell’Ordinanza suscita dunque non pochi interrogativi che si auspica vengano chiariti fin dalle prossime ore, anche con l’autorevole intervento del Ministero dell’Istruzione.

In ogni caso la Comunità scolastica sarà tempestivamente informata dei provvedimenti che sarà necessario  adottare.

Si invitano sia il personale che gli studenti e, per il loro tramite, le famiglie a consultare con frequenza gli account posta iisfrisi.it che saranno utilizzati per tutte le comunicazioni, oltre che questo sito.

RICCARDO TIRITIELLO INSIGNITO DEL CAVALIERATO AL MERITO DELLA REPUBBLICA

Aggiornamento 20 ottobre 2020.

Si é svolta oggi, al Palazzo del Quirinale in Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica, la cerimonia per il conferimento dell’onoreficenza di cavaliere al Merito della Repubblica.

L’Istituto Frisi desidera rinnovare i complimenti a Riccardo Tiritiello, ai suoi familiari ed amici per il lavoro svolto durate il lockdown

Apprendiamo che il Presidente Sergio Mattarella ha conferito al  nostro studente RICCARDO TIRITIELLO della classe 5G  l’onoreficenza di

Cavaliere al Merito della Repubblica

per la realizzazione dell’attività “Chef in corsia” durante la pandemia  da COVID 19

Rivolgiamo i nostri complimenti, a nome di tutta la comunità scolastica, a Riccardo ed ai suoi compagni di classe che hanno contribuito all’iniziativa Aurora Cabri e Ciro De Martino

L’ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA è il primo fra gli Ordini nazionali ed è destinato a “ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.“.

Qui il comunicato della Presidenza della Repubblica

https://www.quirinale.it/elementi/49415

Il Presidente della Repubblica ha voluto conferire l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica  a cittadini di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità. “I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono rappresentare – spiega il Quirinale – l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali”. Tra loro l’anestesista di Lodi e medico del reparto medicina di Codogno, che furono le prime ad aver curato il ‘paziente 1’ italiano, il professore di anestesia e cure intensive all’Università Humanitas di Milano, definito da Jama (il giornale dei medici americani) «uno dei tre eroi mondiali della pandemia». Come anche il medico ex primario dell’ospedale di Gardone Valtrompia che ha avuto l’intuizione di trasformare la maschera da snorkelling in respiratore e l’ingegnere con il team di Isinnova ha progettato la valvola che lo ha reso possibile, ecc.

Riccardo Tiritiello ha dichiarato: “Il riconoscimento non lo merito solo io  ma tutti quelli che hanno lavorato con me. Eravamo lì a dare una mano agli operatori sanitari che hanno combattuto la battaglia più difficile fino ad oggi”.

https://www.repubblica.it/politica/2020/06/03/news/quirinale_i_57_nuovi_cavalieri_del_lavoro_che_hanno_combattuto_il_coronavirus-258327063/

https://www.today.it/attualita/riccardo-tiritiello-studente-cavaliere-della-repubblica.html

Orario delle lezioni

A seguito della pubblicazione  di una Nota Min num 1896 del 19-10-2020 che contiene precisazioni riguardo al DPCM  18 ottobre 2020,  abbiamo appreso che la disposizione di iniziare le lezioni alle ore 9 NON  deve applicarsi in modo automatico;  essa diventa operativa solo in caso di necessità, richiede una proposta in tal senso  delle Autorità Locali al Ministero  dell’Istruzione che deve infine autorizzare.

Risultano quindi confermate, al momento, le delibere del nostro Collegio dei docenti che  stabiliscono:

1) l’ingresso degli studenti dei corsi diurni in due scaglioni (8.10 e 12.15) con inizio delle lezioni rispettivamente alle ore 8.30 e 12.35

2) l’ingresso degli studenti dei corsi pomeridiani alle ore 13.55 con inizio delle lezioni alle ore 14.15

3) l’ingresso degli studenti dei corsi serali alle ore 18.30 con inizio delle lezioni alle ore 18.45

4) l’inizio delle lezioni presso la Sezione Carceraria di Milano Bollate alle ore 9.00

Di conseguenza, nel corso della corrente settimana sarà comunicato agli studenti ed alle famiglie un ORARIO STABILE delle lezioni; esso, per quanto attiene alle valutazioni del dirigente scolastico e della Commissione Orario, può considerarsi conclusivo del lavoro di elaborazione; si chiarisce però che tale orario non può essere considerato “definitivo”,  poiché potrebbe essere  in qualunque momento sottoposto a modifiche a seguito di decisioni delle competenti Autorità Nazionali e Locali, come sopra specificato.

Si comunica infine che, alla prossima riunione del Collegio dei Docenti, sarà posta in votazione una proposta di scansione oraria che preveda l’inizio delle lezioni alle ore 9; se approvata, essa sarà tenuta “di riserva” in caso di  necessità.